Il Consorzio “i Vini del Piemonte” adotta un orto in Africa con Slow Food

Una “lotteria etica” abbinata agli eventi di promozione all’estero dei vini piemontesi per sostenere il progetto 10.000 Orti in Africa e contribuire alla realizzazione di un orto nel continente africano.


Da sempre attento alla valorizzazione delle produzioni enogastronomiche di qualità, alla rivalutazione del lavoro artigiano e alla cura del territorio, il consorzio “i Vini del Piemonte” sosterrà l’iniziativa “10.000 Orti in Africa“ – il più importante progetto internazionale di Slow Food – attraverso una “lotteria etica” che sarà abbinata alle prossime edizioni del Barolo & Friends Event, l’evento di punta del consorzio che ogni anno fa tappa nelle principali città europee per promuovere non solo il vino ma tutto il sistema agroalimentare piemontese, secondo una felice formula basata sull’alleanza tra vino, cibo e turismo.

Il consorzio intende dunque avvalersi della forte presenza sulle più importanti piazze europee, conseguita attraverso numerose iniziative che nel giro di qualche anno hanno conquistato i winelover di mezza Europa, per lanciare l’iniziativa “Lotteria Etica: Adotta un Orto in Africa”, un concorso a premi che metterà in palio soggiorni in Piemonte, prodotti enogastronomici, pubblicazioni di Slow Food Editore e ingressi al Salone del Gusto di Torino, al fine di  sostenere questo ambizioso progetto di Slow Food, che intende formare una rete di leader consapevoli del valore della propria terra e della propria cultura; protagonisti del cambiamento e del futuro di questo continente.

Il progetto nasce nel 2010 quando, in occasione del Salone del Gusto e Terra Madre, sono stati lanciati i primi mille orti. Realizzati nei tre anni successivi, i mille orti sono nati nelle scuole, nelle città e nelle periferie di 26 paesi del contente africano. Oggi Slow Food riparte con una sfida ancora più grande: moltiplicare per dieci il lavoro fatto finora e arrivare a 10.000 orti in Africa.

I primi mille orti hanno favorito lo sviluppo di reti di contadini, agronomi, studenti e cuochi, indicando la strada verso un futuro sostenibile e attento ai bisogni delle comunità locali. Non si tratta infatti di orti tutti uguali: i coordinatori nazionali di Slow Food hanno proposto soluzioni adatte ai diversi contesti, dalle oasi marocchine alle terre aride del Mali, dagli altopiani del Kenya alle foreste ugandesi, incentivando modelli di sviluppo locale che non partissero da schemi esterni ma che prendessero origine dalla storia e dalle caratteristiche del continente stesso, mettendo al centro le persone, attori e protagonisti delle azioni e dei progetti.

Il consorzio “i Vini del Piemonte”, la cui forza risiede proprio nel territorio e nei produttori che ci vivono e lavorano, ha deciso di partecipare a questa sfida, per contribuire a un progetto che considera decisamente in linea con la propria filosofia. La “Lotteria Etica: Adotta un Orto in Africa” sarà inaugurata in occasione del Barolo & Friens Event che si terrà l’8 maggio 2014 a Zurigo e verrà riproposta il 26 maggio a Ginevra e il 6 e 7 giugno a Copenhagen: i biglietti saranno messi in vendita durante le sessioni aperte al pubblico e parte del ricavato sarà devoluto alla Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus per finanziare la realizzazione di un orto in Africa a cui sarà dato simbolicamente il nome del consorzio.

Confidando nell’ottima riuscita di questa iniziativa, il consorzio “i Vini del Piemonte” si augura di rinnovare la collaborazione con Slow Food anche nei mesi successivi e dunque di poter continuare ad appoggiare il progetto “10.000 Orti in Africa”, contribuendo a sensibilizzare il maggior numero di persone su tematiche fondamentali come quelle della sussistenza alimentare e della sostenibilità ambientale.